giovedì 9 febbraio 2017

Virgilio. Era la notte



Era la notte, e in terra i corpi stanchi godevano il placido
sonno, e s’erano acquietati i boschi e il mare tempestoso,
quando le stelle si volgono a metà del corso,
e tacciono i campi, le greggi e i variopinti uccelli,
e gli esseri contenuti dalle liquide ampie distese e dalle terre,
irte di rovi: composti nel sonno sotto la notte silenziosa
lenivano le pene e i cuori dimentichi degli affanni.
Ma non la sventurata fenicia che mai s’abbandona
al sonno, o accoglie la notte negli occhi o nell'animo:
raddoppiano i tormenti, e di nuovo insorgendo l’amore
imperversa, e fluttua con grande tempesta di ire. 


PUBLIO VIRGILIO MARONE (70 a.C. – 19 a.C.), Eneide (31 a.C. – 19 a.C.), introduzione di Ettore Paratore, traduzione di Luca Canali, cronologia di Marco Beck, Mondadori, Milano 1989 (I edizione «I Meridiani», I edizione 1978 «Fondazione Lorenzo Valla», Libro Quarto, vv. 522 – 532, p. 187.


Guercino (Giovanni Francesco Barbieri 1591 – 1666), La morte di Didone (1629 – 1631), olio su tela, 287 x 335. Galleria Spada, Roma.


Nox erat et placidum carpebant fessa soporem
corpora per terras, silvaeque et saeva quierant
aequora, cum medio volvuntur sidera lapsu,
cum tacet omnis ager, pecudes pictaeque volucres,
quaeque lacus late liquidos quaeque aspera dumis
rura tenent, somno positae sub nocte silenti,
lenibat curas et corda oblita laborum.
At non infelix animi Phoenissa neque umquam
solvitur in somnos oculisve aut pectore noctem
accipit: ingeminant curae rursusque resurgens
saevit amor magnoque irarum fluctuat aestu. 


PUBLII VERGILI MARONIS Aeneis, Liber quartus, vv. 522 – 532, in op. cit., p. 186.

Nessun commento:

Posta un commento