lunedì 8 maggio 2017

Pindaro. La bellezza che ai mortali dona tutta la gioia


Molti sono i prodigi,
e spesso la leggenda dei mortali
va oltre il vero.
antiche storie, arazzi
multicolori, ingannatori, illudono.
La bellezza, che ai mortali
dona tutta la gioia,
e glorifica, spesso
dà fede all’incredibile: ma i giorni,
i giorni che continuano,
testimoniano ricchi di sapienza.
Sia bella la parola
umana sul divino. È giusto. È colpa 
minore.  

PINDARO (520-517 a. C. – circa 438 a. C.), Le olimpiche, in Pindaro. L’opera superstite, introduzione, traduzione e note di Enzo Mandruzzato, SE, Milano 1989 (nuova edizione 1989-1994, I edizione Cappelli, Bologna 1980), 4 voll., vol. I, [I], Per il «Re di Siracusa» (476 a.C.), vv. 36 – 48, p. 61.


Pelope e Ippodamia, anfora da Casalta (particolare). Scuola del Pittore del Dinos (420-410 a.C.). Museo Archeologico Nazionale Gaio Cilnio Mecenate, Arezzo.


Ἦ θαυματὰ πολλὰ, καί
   πού τι καὶ βροτῶν
φάτις ὑπὲρ τὸν ὑπὲρ τὸν ἀλαθῆ λόγον∙
δεδαιδαλμένοι ψεύδεσι ποικίλοις
   ἐξαπατῶντι μῦθοι
Χάρις δ᾽, ἅπερ ἅπαντα τεύ-
   χει τὰ μείλιχα θνατοῖς,
ἐπιφέροισα τι-
   μὰν καὶ ἄπιστον ἐμήσατο πιστὸν
ἔμμεναι τὸ πολλάκις∙
ἁμέραι δ᾽ ἐπίλοιποι
μάρτυρες σοφώτατοι.
Ἔστι δ᾽ ἀνδρὶ φάμεν ἐοικὸς
   ἀμφὶ δαιμόνων καλά∙ μεί-
   ων γὰρ αἰτία.  



ΠΙΝΔΑΡΟΥ Ὀλυμπιονίκαις (testo di riferimento Aimé Puech, Le Belles Lettres, Parigi 1949-51 - III ed.), Α´ Ἱέρωνι Συρακοσίωι κέλητι, Ep. 1 – Str. 2., vv. 43 – 57, in op. cit., p. 60.

Nessun commento:

Posta un commento