domenica 8 ottobre 2017

Euripide. I saggi che non hanno interesse alla politica e i politici


IONE:
Non è uguale l’aspetto delle cose quando stanno lontane e si vedono da presso. Ho fatto una lieta accoglienza alla mia sorte, ritrovando in te un padre. Ma vorrei tu m’ascoltassi. Ecco che cosa penso: a quanto dicono, Atene è una città di gente autoctona, non immigrata. Piombo io, con due tare addosso: figliolo di immigrato e per giunta bastardo. Ora, con queste macchie, se sto nell’ombra, si dirà… Che se poi sulla nave dello Stato, balzando in prima fila, cerco d’essere qualcuno, gl’incapaci m’odieranno (chi è più in alto dà noia); i cittadini onesti, quelli in grado di condursi da saggi che però restano zitti e non hanno interesse alla politica… bene, tra loro prenderò dileggi e fama di stoltezza, perché m’agito in uno Stato pieno di paura. I politici poi, quelli che parlano dalla bigoncia, solo che io raggiunga qualche grado, vie più mi bloccheranno col voto. Padre, è così che succede: quanti sono al governo, i detentori del potere combattono i rivali a spada tratta. 


EURIPIDE (480 a.C. – 406 a.C.), Ione (prima rappresentazione fra il 418 e il 413/2 a.C.), a cura, traduzione e introduzione di Filippo Maria Pontani, in I tragici greci, Newton Compton, Roma 2011 (III edizione, I edizione 1991), pp. 1006.





                                               ΙΩΝ
οὐ ταὐτὸν εἶδος φαίνεται τῶν πραγμάτων
πρόσωθεν ὄντων ἐγγύθεν θ’ ὁρωμένων.
ἐγὼ δὲ τὴν μὲν συμφορὰν ἀσπάζομαι,
πατέρα σ’ ἀνευρών· ὧν δὲ γιγνώσκω, πάτερ,
ἄκουσον. εἶναί φασι τὰς αὐτόχθονας
κλεινὰς Ἀθήνας οὐκ ἐπείσακτον γένος,
ἵν’ ἐσπεσοῦμαι δύο νόσω κεκτημένος,
πατρός τ’ ἐπακτοῦ καὐτὸς ὢν νοθαγενής.
καὶ τοῦτ’ ἔχων τοὔνειδος, ἀσθενὴς μὲν ὤν —
μηδὲν καὶ οὐδὲν ὢν κεκλήσομαι·
ἢν δ’ ἐς τὸ πρῶτον πόλεος ὁρμηθεὶς ζυγὸν
ζητῶ τις εἶναι, τῶν μὲν ἀδυνάτων ὕπο
μισησόμεσθα· λυπρὰ γὰρ τὰ κρείσσονα·
ὅσοι δέ, χρηστοὶ δυνάμενοί τ’ εἶναι σοφοί,
σιγῶσι κοὐ σπεύδουσιν ἐς τὰ πράγματα,
γέλωτ’ ἐν αὐτοῖς μωρίαν τε λήψομαι
οὐχ ἡσυχάζων ἐν πόλει φόβου πλέᾳ.
τῶν δ’ † αὖ λογίων τε † χρωμένων τε τῇ πόλει
ἐς ἀξίωμα βὰς πλέον φρουρήσομαι
ψήφοισιν. οὕτω γὰρ τάδ’, ὦ πάτερ, φιλεῖ·
οἳ τὰς πόλεις ἔχουσι κἀξιώματα,
τοῖς ἀνθαμίλλοις εἰσὶ πολεμιώτατοι.



ΕΥΡΙΠΙΔΟΥ Ἴωνin Euripides, volume IV, edited and translated by David Kovacs, Loeb Classical Library (10), Harvard University Press, Cambridge-Massachusetts, London 1999, 585 – 606, p. 396.

                                            
                                               

Nessun commento:

Posta un commento