giovedì 16 novembre 2017

Euripide. La tua dote è di combattere


ENEA:
Ma prendendo le armi che vuoi fare?
ETTORE:
Nel momento in cui fuggono, in cui saltano a bordo, con le lance cercherò di trattenerli e di star loro addosso pesantemente: avremmo danno e scorno se, quando il dio ci dà, senza combattere, nelle mani i nemici, li lasciassimo scappare, dopo quanto ci hanno fatto.
ENEA:
Se fossi tanto saggio quanto sei bravo ad agire! La stessa persona non può sapere tutto: chi una dote, chi un’altra! La tua dote è di combattere, quella d’altri è d’avere la saggezza. Senti che i Greci bruciano falò, e t’esalti, e t’accingi a trascinare le truppe oltre i fossati in piena notte. Una volta varcato il cavo e fondo avvallamento, se invece che in fuga trovi i nemici fronte alla tua lancia, c’è il rischio che ti vincano e che tu indietro non ci torni: come fa un esercito in rotta a superare la palizzata? E i cavalieri come passeranno sui ponti senz’aver spezzato i mozzi delle ruote? E anche vincendo, ci rimane, di riserva, il figliolo di Pèleo. Lui di certo non lascerà che tu getti le fiamme nelle navi e distrugga, come pensi, i Greci: è un uomo tutto fuoco e il braccio è una torre munita. No! Lasciamo che i soldati riposino tranquilli, presso gli scudi, dai travagli bellici. 


EURIPIDE [?] (480 a.C. – 406 a.C.), Reso, traduzione e introduzione di Filippo Maria Pontani, in I tragici greci, Newton Compton, Roma 2011 (III edizione, I edizione 1991), pp. 1221 – 1222.

Odisseo e Diomede rubano i cavalli di Reso dopo averlo ucciso. Situla a figure rosse del pittore di Licurgo (IV secolo a.C.), Museo Archeologico Nazionale, Napoli.

Αἰνείας    σὺ δ᾽ ὡς τί δράσων πρὸς τάδ᾽ ὁπλίζῃ χέρας;
Ἕκτωρ     φεύγοντας αὐτοὺς κἀπιθρῴσκοντας νεῶν
λόγχῃ καθέξω κἀπικείσομαι βαρύς·
αἰσχρὸν γὰρ ἡμῖν, καὶ πρὸς αἰσχύνῃ κακόν,
θεοῦ διδόντος πολεμίους ἄνευ μάχης
φεύγειν ἐᾶσαι πολλὰ δράσαντας κακά.
Αι.          εἴθ᾽ ἦσθ᾽ ἀνὴρ εὔβουλος ὡς δρᾶσαι χερί.
ἀλλ᾽ οὐ γὰρ αὑτὸς πάντ᾽ ἐπίστασθαι βροτῶν
πέφυκεν· ἄλλῳ δ᾽ ἄλλο πρόσκειται γέρας,
σὲ μὲν μάχεσθαι, τοὺς δὲ βουλεύειν καλῶς·
ὅστις πυρὸς λαμπτῆρας ἐξήρθης κλύων
φλέγειν Ἀχαιούς, καὶ στρατὸν μέλλεις ἄγειν
τάφρους ὑπερβὰς νυκτὸς ἐν καταστάσει.
καίτοι περάσας κοῖλον αὐλώνων βάθος,
εἰ μὴ κυρήσεις πολεμίους ἀπὸ χθονὸς
φεύγοντας, ἀλλὰ σὸν βλέποντας ἐς δόρυ,
νικώμενος μὲν οὔτι μὴ μόλῃς πάλιν·
πῶς γὰρ περάσει σκόλοπας ἐν τροπῇ στρατός;
πῶς δ᾽ αὖ γεφύρας διαβαλοῦσ᾽ ἱππηλάται,
ἢν ἆρα μὴ θραύσαντες ἀντύγων χνόας;
νικῶν δ᾽ ἔφεδρον παῖδ᾽ ἔχεις τὸν Πηλέως,
ὅς σ᾽ οὐκ ἐάσει ναυσὶν ἐμβαλεῖν φλόγα,
οὐδ᾽ ὧδ᾽ Ἀχαιούς, ὡς δοκεῖς, ἀναρπάσαι.
αἴθων γὰρ ἁνὴρ καὶ πεπύργωται χερί.
ἀλλὰ στρατὸν μὲν ἥσυχον παρ᾽ ἀσπίδας
εὕδειν ἐῶμεν ἐκ κόπων ἀρειφάτων. 


ΕΥΡΙΠΙΔΟΥ Ῥῆσος, in Evripidis Fabvlae, recognovit breviaque adnotatione critica instrvxit Gilbertvs Murray, Tomvs III, Oxonii e Typographeo Clarendoniano 1969 (editio altera, editio princeps MCMIX), vv. 99 – 124.

Nessun commento:

Posta un commento