mercoledì 13 dicembre 2017

Emily Dickinson. Gli esuli d’oriente



La nostalgia di non so cosa –
è degli esuli d’oriente –
che sconfinarono oltre l’equatore d’ambra
in una più delirante vacanza –

e sempre da allora – il fossato purpureo
cercano di scavalcare – invano –
come gli uccelli – che piombano dalle nuvole
ritentano la melodia –

che l’etere beato – gli aperse –
qualche mattina transatlantica –
quando il Cielo – era troppo comune – da mancare
– troppo sicuro – da sognare! 



EMILY DICKINSON (1830 – 1886), La nostalgia di non so cosa (ca. 1861), in ID, Poesie, a cura, introduzione, traduzione e annotazioni di Massimo Bacigalupo, con uno scritto di Natalia Ginzburg, Il paese della Dickinson (Einaudi, Torino 1991 e 2001), Mondadori, Milano 2016 (ristampa, prima edizione 1994, rivista e aggiornata nel 2004), II, Poesie 1860 – 1861, 262, pp. 107 e 109.






The lonesome for they know not What
The Eastern Exiles – be –
Who strayed beyond the Amber line
Some madder Holiday –

And ever since – the purple Moat
They strive to climb – in vain –
As Birds – that tumble from the clouds
Do fumble at the strain –

The Blessed Ether – taught them –
Some Transatlantic Morn –
When Heaven – was too common – to miss –
Too sure – to dote upon! 


EMILY DICKINSON, The lonesome for they know not What (1861), [in Further Poems of Emily Dickinson. Withheld from Publication by Her Sister Lavinia, edited by Her Niece Martha Dickinson Bianchi and Alfred Leete Hampson, published by Little, Brown and Co, Boston 1929], II, 262, in op. cit., pp. 106, 108.



Nessun commento:

Posta un commento