domenica 28 gennaio 2018

Sofocle. Avversare l’avversario fino al punto d’amarlo nel futuro



AIACE:
Tutte le cose il lungo innumerabile tempo dal buio genera, e venute alla luce le cela in sé: non c’è nulla d’inaspettato, è còlto in fallo anche il tremendo giuramento o l’animo meglio temprato. E io, così caparbio prima, mi sono ammorbidito, adesso, nelle parole, come ferro in acqua, grazie alla donna qui presente: ho pena d’abbandonarla vedova, col figlio orfano, nelle mani dei nemici. Vado a un bagno lustrale, là sui prati costieri, per stornare l’aspra collera della dea, ritrovando la purezza da tutte le mie macchie. Andrò in un luogo senza vestigi umani, se lo trovo, e celerò la spada mia, quest’arma più funesta d’ogni altra, sotterrandola dove non sia possibile vederla: laggiù la notte e l’Ade la conservino. Io, dal momento che l’ebbi in regalo da Ettore, implacabile nemico, nessun segno d’onore ottenni più dagli Argivi. Il proverbio è proprio vero: «Non – doni i doni dei nemici, e pro’ non fanno». Dunque ormai sapremo cedere ai numi, impareremo a venerare gli Atridi. Sono condannati, e cedere bisogna, come no? Le forze bieche, le più possenti, cedono alle mutue prerogative. Ecco gl’inverni densi di neve fare posto alla fruttifera estate; l’orbe, cupo della notte sparisce innanzi al giorno dai puledri bianchi, sicché la luce splenda; il soffio di terribili venti che si cheta suole il gemito del mare; prima lega, poi libera il gagliardo sonno, né tiene in suo potere sempre. E noi perché non dovremmo imparare la misura? Ma sì – capisco adesso che l’avversario si deve avversare fino al punto d’amarlo nel futuro.


SOFOCLE (497 – 406 a.C.), Aiace (prima rappresentazione Atene, dopo il 442 a.C.), introduzione, traduzione, bibliografia di Filippo Maria Pontani, in I tragici greci, Newton Compton, Roma 2011 (terza edizione, prima edizione 1991), Scena: nel campo degli Achei sulla riva del mare vicino a Troia. Al centro la tenda di Aiace, pp. 308 – 309.



Exekias (attivo in Atene 550-530 a.C.), Il suicidio di Aiace (circa 445 a.C.), ceramica dipinta a figure nere su fondo rosso. Musée Communal, Boulogne-sur-mer.


ΑΙΑΣ ἅπανθ᾽ ὁ μακρὸς κἀναρίθμητος χρόνος
φύει τ᾽ ἄδηλα καὶ φανέντα κρύπτεται·
κοὐκ ἔστ᾽ ἄελπτον οὐδέν, ἀλλ᾽ ἁλίσκεται
χὡ δεινὸς ὅρκος χαἱ περισκελεῖς φρένες.
κἀγὼ γάρ, ὃς τὰ δείν᾽ ἐκαρτέρουν τότε,
βαφῇ σίδηρος ὥς, ἐθηλύνθην στόμα
πρὸς τῆσδε τῆς γυναικός· οἰκτίρω δέ νιν
χήραν παρ᾽ ἐχθροῖς παῖδά τ᾽ ὀρφανὸν λιπεῖν.
ἀλλ᾽ εἶμι πρός τε λουτρὰ καὶ παρακτίους
λειμῶνας, ὡς ἂν λύμαθ᾽ ἁγνίσας ἐμὰ
μῆνιν βαρεῖαν ἐξαλύξωμαι θεᾶς·
μολών τε χῶρον ἔνθ᾽ ἂν ἀστιβῆ κίχω
κρύψω τόδ᾽ ἔγχος τοὐμόν, ἔχθιστον βελῶν,
γαίας ὀρύξας ἔνθα μή τις ὄψεται·
ἀλλ᾽ αὐτὸ νὺξ Ἅιδης τε σῳζόντων κάτω.
ἐγὼ γάρ, ἐξ οὗ χειρὶ τοῦτ᾽ ἐδεξάμην
παρ᾽ Ἕκτορος δώρημα δυσμενεστάτου,
οὔπω τι κεδνὸν ἔσχον Ἀργείων πάρα. 
ἀλλ᾽ ἔστ᾽ ἀληθὴς ἡ βροτῶν παροιμία,
ἐχθρῶν ἄδωρα δῶρα κοὐκ ὀνήσιμα.
τοιγὰρ τὸ λοιπὸν εἰσόμεσθα μὲν θεοῖς
εἴκειν, μαθησόμεσθα δ᾽ Ἀτρείδας σέβειν.
ἄρχοντές εἰσιν, ὥσθ᾽ ὑπεικτέον. τί μήν;
καὶ γὰρ τὰ δεινὰ καὶ τὰ καρτερώτατα
τιμαῖς ὑπείκει· τοῦτο μὲν νιφοστιβεῖς
χειμῶνες ἐκχωροῦσιν εὐκάρπῳ θέρει·
ἐξίσταται δὲ νυκτὸς αἰανὴς κύκλος
τῇ λευκοπώλῳ φέγγος ἡμέρᾳ φλέγειν·
δεινῶν τ᾽ ἄημα πνευμάτων ἐκοίμισε
στένοντα πόντον· ἐν δ᾽ ὁ παγκρατὴς ὕπνος
λύει πεδήσας, οὐδ᾽ ἀεὶ λαβὼν ἔχει. 
ἡμεῖς δὲ πῶς οὐ γνωσόμεσθα σωφρονεῖν;
ἐγὼ δ᾽ ἐπίσταμαι γὰρ ἀρτίως ὅτι
ὅ τ᾽ ἐχθρὸς ἡμῖν ἐς τοσόνδ᾽ ἐχθαρτέος.


ΣΟΦΟΚΛΕΟΥΣ Αἴας, in SOPHOCLES, Ajax. Electra. Oedipus Tyrannus, Edited and translated by Hugh Lloyd-Jones, Loeb Classical Library (20), Harward University Press, Cambridge-Massachusetts 1994, 646 – 679, pp. 90, 92.










Nessun commento:

Posta un commento