mercoledì 21 marzo 2018

Jack Kerouac. La ghiandola del mio cervello




Come meditare



                          - luci spente -  
autunno, mani strette, in istantanea
estasi come una pera di eroina o morfina.
la ghiandola nel mio cervello secernente
il buon fluido felice (Fluido Santo) allorché
mi ah-bbasso e tengo ogni parte del corpo
giù in trance da puntomorto – Sanando
ogni mio male – tutto cancellando – neppure
resta il brandello di uno «spero-che-tu» o una
Bolla di Pazzia, ma la mente
libera, serena, spensierata. Quando arriva
un pensiero spuntando da lontano con la sua
esibita figura d’immagine, lo freghi,
lo sfreghi via, lo smonti e si fa
smunto, e il pensiero non viene – e
con gioia comprendi per la prima volta
«Pensare è proprio come non pensare –
Perciò non devo pensare
   mai
più».




JACK KEROUAC (1922 – 1969), Come meditare (1992), in ID., L’ultimo hotel e altre poesie, a cura e traduzione di Massimo Bocchiola, introduzione di Antonio Troiano, nota bibliografica di Maria Scandiani, RCS, Milano (su licenza Mondadori, Milano) 2012, p. 201.


In copertina, dipinto di Lawrence Ferlinghetti


How to Meditate



                               —lights out—
 fall, hands a-clasped, into instantaneous
ecstasy like a shot of heroin or morphine,
the gland inside of my brain discharging
the good glad fluid (Holy Fluid) as
I hap-down and hold all my body parts
down to a deadstop trance—Healing
all my sicknesses—erasing all—not
even the shred of a I-hope-you or a
Loony Balloon left in it, but the mind
blank, serene, thoughtless. When a thought
comes a-springing from afar with its held-
forth figure of image, you spoof it out,
you spuff it out, you fake it, and
it fades, and thought never comes—and
with joy you realize for the first time
Thinking’s just like not thinking—
So I don’t have to think
     any
more



JACK KEROUAC, How to Meditate (Poems all size, edited by John Sampas, Introduction by Allen Ginsberg, City Lights Books (edited by Lawrence Ferlinghetti), San Francisco 1992, in op. cit., p. 200.





Nessun commento:

Posta un commento